Decreto Dignità, oggi inizia l’iter parlamentare. Maurizio Martina (PD): “posti di lavoro a rischio, ci saranno emendamenti alternativi”

Montecitorio ha ricevuto il testo, il quale è stato assegnato all’esame delle Commissioni riunite Finanze e Lavoro, che oggi partiranno con la discussione, che proseguirà anche nella prossima settimana. Maurizio Martina, segretario del PD, fa sapere che sono pronti già emendamenti alternativi.

Montecitorio ha ricevuto il testo, il quale è stato assegnato all’esame delle Commissioni riunite Finanze e Lavoro, che oggi partiranno con la discussione, che proseguirà anche nella prossima settimana. Maurizio Martina, segretario del PD, fa sapere che sono pronti già emendamenti alternativi.

Il Decreto Dignità ha iniziato il suo iter parlamentare, ma la discussione non avrà inizio prima di settimana prossima, dato che le Commissioni sono impegnate su altri testi, come il Rendiconto generale dello Stato per il 2017, e le Disposizioni per l’assestamento del bilancio dello Stato e dei bilanci delle Amministrazioni autonome per l’anno finanziario 2018, come riportato di colleghi di Agimeg.

Un Decreto Dignità accolto con stupore per alcuni punti davvero errati, campati in aria, come il divieto assoluto per la pubblicità per i giochi. A tal proposito il segretario del Partito Democratico, Maurizio Martina, ha così commentato: “Sul voto al dl dignità il Pd andrà unito: le vicende di queste ore, con Di Maio che scopre che i suoi stessi uffici certificano la drastica riduzione dell’occupazione con 80 mila posti a rischio e grida al complotto, provano la irresponsabilità del ministro in ansia di prestazione con Salvini sul fronte della propaganda. Noi sfidiamo la maggioranza sul lavoro stabile: e proporremo il taglio permanente dei costi previdenziali per i contratti a tempo indeterminato”.

Maurizio Martina ha poi proseguito dicendo che il PD farà le sue valutazioni su alcuni articoli contenuti nel decreto, come i contratti a termine o la pubblicità per i giochi: “Su alcuni punti si può ragionare, di certo su molte questioni ci saranno emendamenti alternativi”.

Dello steso avviso l’onorevole Mariastella Gelmini (FI-PDL), che settimana scorsa dichiarava: “Lo stop alla pubblicità sui giochi è solamente demagogico, ci chiediamo quali coperture economiche siano state trovate per non sfasciare questo settore che genera 10 miliardi di entrate erariali l’anno. Sicuramente presenteremo molti emendamenti al Decreto Dignità ed alcuni toccheranno anche il tema della pubblicità sui giochi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comparatore Casinò

Senza deposito: 5000€ Salva il Bottino


Con deposito: 5000€ Salva il Bottino + fino a 250€ in bonus benvenuto

Senza deposito: Welcome Bonus del 100% fino a 5000€


Con deposito:Welcome Bonus del 100% fino a 5000€

Senza deposito: 50 Giri Gratis


Con deposito: 100% fino a 1000€ + 50 free Spin

Senza deposito: 15€ Gratis


Con deposito: 15€ gratis + 100% bonus
primo deposito fino a €1000

Senza deposito: nessuna promo


Con deposito: 100% fino a 750€ + 250€ di PlayBonus Slot + 1.000 Golden Points

© 2024 Casinoitaliaweb.it - Piw network srl - Codice Fiscale e Partita IVA: 04450280757 - Numero REA: 292720 - Tutti i diritti riservati