Casino online: Licenze, Stanleybet impone lo stop

Il bookmaker inglese Stanleybet prosegue la sua personalissima lotta all'Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato. Un nuovo ricorso, presentato ad agosto al Tar del Lazio, bloccherà le assegnazioni di nuove licenze almeno fino al 2012.

Il bookmaker inglese Stanleybet prosegue la sua personalissima lotta all'Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato. Un nuovo ricorso, presentato ad agosto al Tar del Lazio, bloccherà le assegnazioni di nuove licenze almeno fino al 2012.

Stanleybet non ci sta. Il famoso bookmaker inglese è convinto che le leggi italiane non rispettino le disposizioni europee in materia di assegnazione delle licenze per la gestione di siti di giochi online. E dal momento che da quel punto di vista le leggi europee hanno la precedenza su quelle interne, Stanleybet ha deciso di fare ricorso al Tar del Lazio.

Stanleybet
Stanleybet, un incubo per i nuovi concessionari

Di conseguenza, l'AAMS ha optato per sospendere l'assegnazione delle nuove licenze, in attesa del verdetto del Tar, la cui prima udienza è prevista per mercoledì 28 settembre. L'operazione di Stanleybet colpisce non solo i potenziali nuovi fornitori di servizi di gaming online, ma anche quelle società che avevano ottenuto una licenza provvisoria e che stavano aspettando di passare a quella definitiva.

Tra queste società troviamo anche Poste Mobile e Mondadori, tanto per citare le due probabilmente più famose, che hanno già pagato i 350 mila euro per una licenza che, al momento, non serve a nulla. Come Poste Mobile e Mondadori, esiste anche un piccolo gruppetto di concessionari che già possedevano una concessione, ma che non rinnovandola per tempo (ovvero prima del ricorso di Stanleybet) hanno praticamente perso il diritto di esercitare.


AAMS
Secondo l'AAMS, la regolamentazione non contrasta con le norme UE

E così le circa 200 nuove licenze che stavano per essere assegnate, il bando era previsto per novembre, rimangono nel limbo. Con buona pace delle 12 società, capeggiate da Poste Mobile, che hanno mandato una lettera di diffida ai vertici dell'Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, che però poco ci può fare. Secondo l'AAMS, infatti, le leggi interne sono state presentate a Bruxelles (sede del Parlamento Europeo) senza che da quelle parti eccepissero neppure su una virgola.

Vieni a commentare questa e altre notizie sul nostro forum!

Scritto da CIW Staff

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comparatore Casinò

Senza deposito: 5000€ Salva il Bottino


Con deposito: 5000€ Salva il Bottino + fino a 250€ in bonus benvenuto

Senza deposito: Welcome Bonus del 100% fino a 5000€


Con deposito:Welcome Bonus del 100% fino a 5000€

Senza deposito: 100 Free Spin + 100€ Bonus


Con deposito: 200% primo deposito fino a 1000€

Senza deposito: 100 Giri Gratis + 100€ Fun Bonus


Con deposito: 100% primo deposito fino a 900€ Fun Bonus

Senza deposito: 200€ Gratis


Con deposito: Fino a €800 di bonus gratuito con deposito minino di 20€

© 2024 Casinoitaliaweb.it - Piw network srl - Codice Fiscale e Partita IVA: 04450280757 - Numero REA: 292720 - Tutti i diritti riservati