Pubblicità e Giochi, Guggino (Iap): “L’auspicio è che si faccia un gioco di squadra tra pubblico e privato”

Oggi, in edicola, nell'inserto economico di Repubblica “Affari & Finanza” si è discusso di pubblicità. Il dibattito tra Stato ed operatori di gioco è ancora acceso e nell'articolo a firma di Gianluca Moresco si cerca di far chiarezza.

Oggi, in edicola, nell'inserto economico di Repubblica “Affari & Finanza” si è discusso di pubblicità. Il dibattito tra Stato ed operatori di gioco è ancora acceso e nell'articolo a firma di Gianluca Moresco si cerca di far chiarezza.

 

Come riportato da agimeg, nell'inserto economico uscito oggi con Repubblica “Affari & Finanza”, il tema principale affrontato dal collega Gianluca Moresco è la pubblicità. Un articolo dove ci sono interventi da parte di Harry Temmink (capo commissione della sezione dei servizi di pubblico interesse, Commissione Mercato Interno Ue), Cino Benelli (avvocato e membro Unità di ricerca sulle Nuove patologie sociali), Benedetta Liberatori (dir. contenuti audiovisivi Agcom), Fabio Felici (dir. Agimeg).

 

Vi è poi un'intervista fatta a Vincenzo Guggino dello Iap (Istituto Autodisciplina Pubblicitaria), che vi riportiamo di seguito: “Credo che l’esigenza di un cambiamento di approccio pubblicitario sul gioco nasca da esigenze politiche e da spinte sociali. Ma soprattutto da un pensiero ideologico di base. Il 28 ter di fatto disegna un perimetro, è frutto di una ricognizione dei codici europei ed è nato da un lavoro molto accurato sulle normative seguite da Stati a noi vicine anche per cultura. Sarebbe un testo quasi perfetto se tutti gli operatori lo rispettassero”.

 

“Il nostro auspicio – continua Guggino – è quello che si faccia un gioco di squadra tra pubblico e privato. Un esempio in questa direzione lo ha recentemente fornito il protocollo spagnolo dove è stato costruito un sistema di autorizzazioni preventive al messaggio pubblicitario. Purtroppo c’è da dire che nel caso dell’online alcuni operatori lavorano, in tema di pubblicità, in modo disinvolto. Sisal e Lottomatica ad esempio chiedono sempre un parere preventivo prima di una campagna pubblicitaria, ma purtroppo sono un caso isolato”.

 

Contrario al divieto assoluto degli spot pubblicitari lo è il ministro dell'Interno Angelino Alfano, che in un'intervista di qualche settimana fa disse: “Un divieto assoluto sarebbe complicato e rischierebbe di generare, come ogni forma di proibizionismo, dinamiche incontrollabili. Potrebbe essere più logico – continua – pensare a tetti pubblicitari”.

 

Vuoi divertirti a giocare in uno dei migliori casinò online con licenza Italiana? Entra subito in Unibet casinò per te un super bonus fino a 300€.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comparatore Casinò

Senza deposito: 5000€ Salva il Bottino


Con deposito: 5000€ Salva il Bottino + fino a 250€ in bonus benvenuto

Senza deposito: 50 Giri Gratis Con deposito: 100% fino a 1000€ + 50 free Spin

Senza deposito: 100 Free Spin + 100€ Bonus


Con deposito: 200% primo deposito fino a 1000€

Senza deposito: 100 Giri Gratis + 100€ Fun Bonus


Con deposito: 100% primo deposito fino a 900€ Fun Bonus

Senza deposito: 15€ Gratis


Con deposito: 15€ gratis + 100% bonus
primo deposito fino a €1000

© 2024 Casinoitaliaweb.it - Piw network srl - Codice Fiscale e Partita IVA: 04450280757 - Numero REA: 292720 - Tutti i diritti riservati