Dopo quasi un anno è stata catturata la banda delle slot machine

Sei sono le persone finite in manette nel blitz portato a termine ieri mattina dalla polizia, che finalmente ha acciuffato dopo quasi un anno di indagini la banda delle slot machine. Il primo colpo lo misero a segno a marzo 2015.

Sei sono le persone finite in manette nel blitz portato a termine ieri mattina dalla polizia, che finalmente ha acciuffato dopo quasi un anno di indagini la banda delle slot machine. Il primo colpo lo misero a segno a marzo 2015.

 

Il tutto è partito il 16 marzo scorso, quando tre soggetti mettevano a segno il primo colpo di quella che poi sarebbe diventata la banda delle slot machine. Da quel giorno non si sono più fermati e hanno agito con una certa regolarità nel territorio Veneto, azzardando anche tre colpi nella stessa giornata. Il loro schema d'altronde era efficace e faceva accrescere in loro sempre più fiducia nei propri mezzi.

 

La strategia era semplice: sopralluogo, rubare auto per il colpo, mettere a segno il furto. Con l'auto sfondavano le vetrine, prendevano le slot machine, le svuotavano e poi le abbandonavano lungo la strada. Ad ogni colpo si assicuravano un bottino di qualche migliaia di euro.

 

I sei arrestati sono: Mario Levacovich di anni 42 e suo figlio ventenne Michael Levacovich; Thommy Cipolletti di 23 anni; Davide Mazzini di 27 anni; Giovanni Poropat di 40 anni; Dario Levacovich di 34 anni. Per padre e figlio il gip ha disposto gli arresti domiciliari, anche se entrambi ai domiciliari si trovavano già per altro reato. Gli altri membri della banda delle slot machine, causa i loro precedenti penali, sono tutti finiti dietro le sbarre. Uno di questi, David Mazzini, era già in carcere per altri reati commessi. I suoi compagni si banda sono stati infatti individuati e arrestati nelle loro abitazioni ieri mattina.

 

Durante le perquisizioni, come spiega il giornale locale MessageroVeneto edizione Udine, gli agenti hanno trovato diversi arnesi da scasso oltre a centinaia di euro in monetine e banconote di piccolo taglio. In particolare Levacovich aveva con sé 884 euro, Poropat 758 e Mazzini 690 anche nascosti nelle mutande. I tre sono quindi accusati di furto aggravato. A carico del solo Giovanni Poropat c’è poi un’accusa di ricettazione poiché nella sua abitazione sono state trovate due ricetrasmittenti di proprietà della Regione entrambe ancora munite dell’inconfondibile logo istituzionale.

 

Registrati e gioca su NetBet Casinò e riceverai 10 euro gratis più un bonus fino a 1000€.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comparatore Casinò

Senza deposito: 5000€ Salva il Bottino


Con deposito: 5000€ Salva il Bottino + fino a 250€ in bonus benvenuto

Senza deposito: Welcome Bonus del 100% fino a 5000€


Con deposito:Welcome Bonus del 100% fino a 5000€

Senza deposito: 100 Free Spin + 100€ Bonus


Con deposito: 200% primo deposito fino a 1000€

Senza deposito: 100 Giri Gratis + 100€ Fun Bonus


Con deposito: 100% primo deposito fino a 900€ Fun Bonus

Senza deposito: 200€ Gratis


Con deposito: Fino a €800 di bonus gratuito con deposito minino di 20€

© 2024 Casinoitaliaweb.it - Piw network srl - Codice Fiscale e Partita IVA: 04450280757 - Numero REA: 292720 - Tutti i diritti riservati