Un po’ di storia: quali sono le origini delle carte da gioco?

Vi siete mai chiesti come sono nate le carte da gioco che oggi si usano in tutti i casinò? Ecco per voi una piccola lezione di storia. Le origini delle carte possono essere ricondotte agli egizi o ai cinesi. La storia dei semi e dei personaggi rappresentati è molto interessante.

Vi siete mai chiesti come sono nate le carte da gioco che oggi si usano in tutti i casinò? Ecco per voi una piccola lezione di storia. Le origini delle carte possono essere ricondotte agli egizi o ai cinesi. La storia dei semi e dei personaggi rappresentati è molto interessante.

 

 

Le origini delle carte da gioco, come le conosciamo noi oggi, sono molto incerte. C'è chi le fa risalire addirittura agli antichi egizi. Le prime testimonianze del loro uso risalgono più verosimilmente al X secolo, quando in Cina si utilizzavano poco dopo l'invenzione della carta. Le antiche 'carte moneta' cinesi avevano infatti tre 'semi'. Si utilizzavano degli ideogrammi sulle carte con numerali da 2 a 9 sui tre semi. W. H. Wilkinson ipotizza che le prime carte siano state in realtà utilizzate sia come denaro reale che come strumento per il gioco.

 

Quando sarebbero arrivate poi le carte in Europa? Anche qui il mistero è fitto. È probabile che le antenate delle moderne carte da gioco siano arrivate in Europa attraverso i contatti con i Mamelucchi egiziani alla fine del XIV secolo.  In quell'epoca avevano già assunto una forma molto simile a quella odierna. In particolare il mazzo dei Mamelucchi conteneva 52 carte, che prevedevano quattro semi: Jawkân (bastoni da polo), Darâhim (denari), Suyûf (spade) e Tûmân (coppe). Ogni seme conteneva dieci carte, numerate da 1 a 10, e tre figure (o carte di corte) chiamate malik (re), n?'ib malik (viceré) e th?n? n?'ib (secondo viceré). Le figure mamelucche mostravano disegni astratti senza ritrarre persone, per via della legge islamica che vietava di ritrarre figure umane. Riportavano però il nome di ufficiali dell'esercito.

 

La storia delle carte

I quattro semi di oggi (cuori, quadri, picche e fiori) hanno origine in Francia approssimativamente nel 1480 e sono probabilmente prevalsi perché più facili ed economici da riprodurre rispetto a disegni più elaborati. Il trèfle, così chiamato per la somiglianza alla foglia del trifoglio, deriva probabilmente dalla ghianda dei semi tedeschi. Così anche il pique, derivato dal seme della foglia tedesca, tuttavia assumendo il nome dell'arma, seguendo l'esempio delle spade italiane.

 

In Inghilterra vengono usati i semi francesi, nominandoli hearts (cuori), clubs (bastoni, ma sono i fiori nostrani), spades (vanghe, a indicare le picche) e diamonds (quadri). Ci sarebbe una lunga storia da raccontare anche per quanto i personaggi raffigurati sulle carte, ovvero quelli che oggi sono diventati fanti, donne e re. Per oggi però può bastare! Speriamo vi sia piaciuta la nostra lezione di storia.

 

Vuoi giocare ai tuoi giochi di casinò preferiti e ricevere in regalo 10 euro gratis?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comparatore Casinò

Senza deposito: 5000€ Salva il Bottino


Con deposito: 5000€ Salva il Bottino + fino a 250€ in bonus benvenuto

Senza deposito: Welcome Bonus del 100% fino a 5000€


Con deposito:Welcome Bonus del 100% fino a 5000€

Senza deposito: 100 Free Spin + 100€ Bonus


Con deposito: 200% primo deposito fino a 1000€

Senza deposito: 100 Giri Gratis + 100€ Fun Bonus


Con deposito: 100% primo deposito fino a 900€ Fun Bonus

Senza deposito: 200€ Gratis


Con deposito: Fino a €800 di bonus gratuito con deposito minino di 20€

© 2024 Casinoitaliaweb.it - Piw network srl - Codice Fiscale e Partita IVA: 04450280757 - Numero REA: 292720 - Tutti i diritti riservati