Crisi e sciopero, spine per il Casino di Venezia!

I continui scioperi e la crisi sempre più pesante stanno diventando delle vere spine per il Casino di Venezia, che attraverso le parole del suo amministratore delegato lancia un grido d'allarme per l'alta probabilità di futuri licenziamenti.

Home » News Casino Live » Crisi e sciopero, spine per il Casino di Venezia!

I continui scioperi e la crisi sempre più pesante stanno diventando delle vere spine per il Casino di Venezia, che attraverso le parole del suo amministratore delegato lancia un grido d'allarme per l'alta probabilità di futuri licenziamenti.

In un intervento registrato dal Corriere della Sera l'ad Vittorio Rava punta il dito sullo sciopero dei dipendenti che oramai si protrae dal 26 dicembre scorso. Enormi i danni per la casa da gioco che si ritrova ad affrontare anche la terribile crisi che ha colpito l'intero settore dei casino terrestri italiani. Secondo Rava, al momento, tutti devono avere un Obiettivo prioritario, la salvaguardia del posto di lavoro.

Ecco l'ennesimo appello lanciato dall'amministratore delegato del Casino di Venezia: “Mi rivolgo ad Angeletti, Bonanni e Camusso che rappresentano l’unico vero duraturo Abc del nostro Paese e che in questi anni hanno collaborato per gestire migliaia di crisi aziendali. Il 2013 si preannuncia come un altro anno di crisi senza speranze di una concreta ripresa. Il Nordest non è più l’isola felice, perché, dopo essere cresciuto per mezzo secolo a ritmi vertiginosi, oggi crolla con percentuali di decremento maggiori rispetto ad altre aree d’Italia che non hanno beneficiato del boom economico.


La splendida Venezia

II Casinò di Venezia, di proprietà del Comune, ha attuato una impegnativa operazione di riorganizzazione economica e patrimoniale, avendo come obiettivo primario la salvaguardia dell’occupazione e per questo si è scelto di tenere aperte entrambe le sedi dl Venezia e Ca’ Noghera che danno lavoro a 650 dipendenti, oltre all’indotto. Oggi l’azienda è messa in crisi da uno sciopero degli operatori delle slot, proclamato da Cisl e da una sigla autonoma.

Lo sciopero, che si protrae dal 26 dicembre 2012, viene svolto con modalità di comunicazione dl alcune ore prima dell’inizio dello stesso e sabato sera questo sciopero proclamato per le ultime 2 ore del turno di lavoro ci ha fatto chiudere in anticipo le sale slot e abbiamo dovuto mandare via 3.000 persone con forti ripercussioni sugli incassi. L’astensione di sabato è l’ultima di una lunga serie di azioni che hanno bloccato l’operatività di entrambe le sedi nei weekend e festività di maggior afflusso degli ultimi 40 giorni.

Lo sciopero è un diritto inviolabile dei lavoratori e per questo va rispettato e non contrastato, ma le conseguenze negative sugli incassi creeranno un futuro incerto per tutti i lavoratori. I nostri dipendenti sono tra i più pagati al mondo del settore e nel caso specifico gli addetti a tale reparto hanno avuto nel 2012 guadagni medi che sono stati tra i 56 e i 68 mila euro lordi a cui si aggiunge un reddito medio proveniente dalle mance di 15 mila euro aumentato del 10% sull’anno precedente.

L’origine delle azioni di sciopero è sostanzialmente determinata dalla mancata erogazione di uno dei premi di risultato che non è stato pagato in quanto la soglia minima di incasso su cui era parametrato non è stata raggiunta. La situazione sta diventando insostenibile, i nostri clienti ci guardano senza parole di fronte alle drammatiche crisi aziendali che stanno colpendo il Nordest. Penso che oggi gli obiettivi prioritari dell’azienda devono essere la continuità aziendale e quelli del sindacato la salvaguardia e il consolidamento, prima dl tutto, di tutti i posti di lavoro e non la semplice salvaguardia dei privilegi delle corporazioni“.

Pochi giorni fa anche il sindaco Giorgio Orsoni era intervenuto sull'argomento dichiarando, ironicamente, che i recenti scioperi attuati dai croupier trovano motivazione negli ottimi stipendi che guadagnano. I dipendenti che, dallo scorso Natale hanno incrociato le braccia per due domeniche, dando all’azienda un preavviso di sole due ore, hanno causato una perdita complessiva per il Casino di oltre 500.000 euro.

Vieni a commentare questo e altri articoli sul nostro forum!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Comparatore Casinò

Senza deposito: 10€ Gratis

 

Con deposito: 10€ gratis + 100% bonus
primo deposito fino a €1.000

Senza deposito: 200 free spin 

 

Con deposito: 200 free spin + 20€ subito e fino a €1.000 di bonus progressivo

Senza deposito: 25 free spin

 

Con deposito: 25 free spin senza deposito + fino a 1000€ e altri 200 free spin sui primi depositi

Senza deposito: No promo

 

Con deposito: 125% fino a 500€ sul primo deposito

Senza deposito: nessuna promo

Con deposito: 25% bonus
sulle giocate perse nella prima giornata fino a €100
© 2022 Casinoitaliaweb.it - Piw network srl - Codice Fiscale e Partita IVA: 04450280757 - Numero REA: 292720 - Tutti i diritti riservati