Se il Decreto Balduzzi dovesse entrare in vigore così come è stato spedito nelle mani del Presidente della Repubblica, tutti i siti dedicati ai giochi online (poker, casino, bingo, scommesse e via dicendo) dovrebbero chiudere i battenti.

Se il Decreto Balduzzi dovesse entrare in vigore così come è stato spedito nelle mani del Presidente della Repubblica, tutti i siti dedicati ai giochi online (poker, casino, bingo, scommesse e via dicendo) dovrebbero chiudere i battenti.

La provocazione del titolo (e perché no, dell’immagine di Mourinho) è forte, lo sappiamo. Ma d’altra parte siamo di fronte all’ennesimo controsenso di una decisione politica che, nel timore di scontentare qualcuno, finisce per scontentare praticamente tutti. Come avete potuto leggere nel pezzo riguardante le specifiche del Decreto Balduzzi, dal 1 gennnaio 2013 entreranno in vigore alcune norme molto restrittive sulla pubblicità dei giochi.


Ci trasferiremo ad Antigua e Barbuda…

La cosa che ci riguarda, ovviamente, è che anche Internet viene inserito tra i media sui quali sarà vietato pubblicizzare o incitare al gioco. Qualcuno ci deve spiegare come può un sito come il nostro continuare a esistere, se non ha neppure la possibilità di produrre un pezzo sui giochi da casino, o inserire un banner pubblicitario.

E qualcuno ci deve anche spiegare come può farsi conoscere un operatore che ha pagato (profumatamente) una licenza .it, se, e citiamo testualmente dal Decreto, sono:

[…] vietati messaggi pubblicitari concernenti il gioco con vincite in denaro su giornali, riviste, pubblicazioni, durante trasmissioni televisive e radiofoniche, rappresentazioni cinematografiche e teatrali, nonché via Internet nei quali si evidenzi anche solo uno dei seguenti elementi :

a) incitamento al gioco ovvero esaltazione della sua pratica;

b) presenza di minori;

c) assenza di formule di avvertimento sul rischio di dipendenza dalla pratica del gioco, nonché dell’indicazione della possibilità di consultazione di note informative sulle probabilità di vincita pubblicate sui siti istituzionali dell’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato e, successivamente alla sua incorporazione ai sensi della legislazione vigente, dalla Agenzia delle dogane e dei monopoli, nonché dei singoli concessionari ovvero disponibili presso i punti di raccolta dei giochi.

Capiamo la necessità di prevenire forme di ludopatia, di tutelare i soggetti più deboli e più giovani, e ci rendiamo conto dell’esistenza, sul web, di tantissimi siti fuorvianti, che promettono vincite garantite e danno una visione assolutamente distorta del gambling. Ma che siti come il nostro debbano chiudere bottega, nonostante – ci permettiamo di dirlo – abbiano sempre operato in maniera corretta e oggettiva, ci sembra sinceramente una forzatura degna di quel proibizionismo che nulla di buono ha portato nel suo periodo storico. Speriamo che, per una volta, prevalga un po’ di buonsenso.

Vieni a commentare questo e altri articoli sul nostro forum!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comparatore Casinò

Senza deposito: 100 Free Spin

 

Con deposito: Fino a €200 cashback + 200 Free Spin

Senza deposito: 200 free spin 

 

Con deposito: 200 free spin + 20€ e fino a €1.000 di bonus

Senza deposito: 10€ Gratis

 

Con deposito: 10€ gratis + 100% bonus
primo deposito fino a €1.000

Senza deposito: No promo

 

Con deposito: 125% fino a 500€ sul primo deposito

Senza deposito: 25 free spin

 

Con deposito: 25 free spin senza deposito + fino a 1000€ e altri 200 free spin sui primi depositi

© 2022 Casinoitaliaweb.it - Piw network srl - Codice Fiscale e Partita IVA: 04450280757 - Numero REA: 292720 - Tutti i diritti riservati