Stop pubblicità giochi e scommesse

Il Governo conferma stop pubblicità giochi e scommesse: Decreto Dignità “bollinato”

Pubblicato il da Francesco "Straydog" Healy

Non appena sarà pubblicato il decreto è previsto il divieto alla pubblicità su giochi e scommesse, e per le sponsorizzazioni dal 1° gennaio 2018. Il Decreto Dignità è stato di fatto bollinato dalla Ragioneria dello Stato.


“Ai fini del rafforzamento della tutela del consumatore e per un più efficace contrasto alla ludopatia… è vietata qualsiasi forma di pubblicità, anche indiretta, relativa a giochi o scommesse con vincite in denaro, comunque effettuata e su qualunque mezzo, incluse le manifestazioni sportive, culturali o artistiche, le trasmissioni televisive o radiofoniche, la stampa quotidiana, le pubblicazioni in genere, le affissioni e internet”.

Dal 1° gennaio 2018 il divieto si applica anche alle sponsorizzazioni di eventi, attività, manifestazioni programmi, prodotti o servizi e a tutte le altre forme di comunicazione di contenuto promozionale, comprese le citazioni visive ed acustiche e la sovraimpressione del nome, marchio, simboli, attività o prodotti la cui pubblicità, ai sensi del presente articolo, è vietata”.

“Escluse dal divieto le lotterie nazionali ad estrazione differita ed i loghi sul gioco sicuro e responsabile dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli,. Per i contratti in essere resta applicabile fino al 30 giugno del 2019 la normativa vigente” precedente alla pubblicazione del Decreto Dignità. Per quanto riguarda le sanzioni per le violazioni al divieto, è prevista “a carico del committente, del proprietario del mezzo o del sito di diffusione o di destinazione e dell’organizzatore della manifestazione, evento o attività” l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria “del 5% del valore della sponsorizzazione o della pubblicità e in ogni caso non inferiore, per ogni violazione, ad un importo minimo di 50mila euro”.

L’autorità competente sarà l’Agcom. La copertura delle misure arriverà dall’aumento del Prelievo Erariale Unico, Preu, su slot e vlt che viene fissato al 19,25% e 6,25% dell’ammontare delle somme giocate a decorrere dal 1° settembre 2018 e al 19,5% e al 6,5% per quelle a partire dal 1° maggio 2019.

Decreto Dignità

Storie correlate

In dieci anni perde alle slot una grossa cifra che ora gli sarà restituita con gli interessi: la decisione del giudice

Decreto Dignità, Mariastella Gelmini (FI): “Provvedimento contro la ludopatia finanziato con l’aumento del PREU: semplicemente ironico”

Decreto Dignità, confronto D’Incà (M5S) - Marattin (PD): “Il gioco non è ludico, è azzardopatia”… “Solo una misura sloganistica”

Parliamo anche di:
Notizie correlate