Team MIT Blackjack

Team MIT Blackjack: la storia di un team di 80 persone che sbancarono i casinò

Pubblicato il da Tiberio "Boss" Redaelli

Di storie e vere proprie "leggende" da raccontare sul mondo dei Casinò ne esistono tante. Quella del Team MIT di Blackjack è sicuramente tra le più affascinanti e coinvolgenti, tanto da farci un film uscito nel 2008. Di cosa si tratta?

 

C'era una volta, o meglio c'è tuttora, il MIT una delle università più importanti degli Stati Uniti. E' da un corso dal titolo "How to Gamble if You Must", tenuto nel 1979, nasce una delle storie più avvincenti di questo settore. In questo corso, diversi studenti appassionati di poker, scoprirono i sistemi per imparare a contare le carte di blackjack. Passarono presto dalla teoria alla pratica, ma senza successo.

Rimasero solo in due a crederci. Uno di questi, JP Massar, viene contattato da un giocatore per creare un nuovo team, sfruttando anche la legge che impediva ai casinò di allontanare i contatori di carte. Il progetto, finanziato con $5.000, cominciò bene per poi avere degli alti e bassi e chiudersi nel maggio del 1980. Nello stesso mese, in un ristorante per coincidenza, Massar sente parlare Kaplan, leader di un gruppo di giocatori di successo a Las Vegas. Gli intenti dei due coincidono e Kaplan decide di strutturare il tutto in modo professionale. Nasce in agosto la prima banca degli studenti del MIT, dove partecipano sia investitori che giocatori. Cominciano in 10 giocatori, che guadagnano per questo lavoro 80 dollari l'ora, mentre gli investitori ottennero il 250% di quanto investito in un anno.

Com'era strutturata questa organizzazione vincente? Ognuno aveva il proprio compito. Oltre al conto delle carte, venivano usate la tecniche per tenere conto degli assi usciti e delle mischiate del croupier. I tipi di giocatori erano sostanzialmente due: chi contava le carte e chi discretamente entrava in gioco quando il mazzo diventava favorevole.

Si arrivò ad avere nel 1984 un MIT Team di 30 giocatori ed un capitale di $350.000. I Casinò arrivarono al punto di riconoscere Kaplan, che dovette abbandonare il suo ruolo di leader, per uno secondario nell'organizzazione. Il Team durò fino al 1988, quando cambiarono le condizioni dei casinò ed i giocatori erano oramai sfiancati.

Il Team venne riaperto nel 1992, con una società da 1 milione di dollari di capitale. Partecipavano 80 giocatori, attivi su diverse città, certe volte anche 30 in contemporanea. Il fatto che diversi studenti puntavano grosse cifre, senza aver particolare paura di perdere, fece si che diverse case di gioco iniziassero a fare delle ricerche, per arrivare alla conclusione che tutti questi giocatori avevano un denominatore comune unico: il fare parte del MIT.

Questo pose fine alla vita del Team, il quale si dice abbia prodotto oltre 5 milioni di dollari di vincite. Di emuli, negli anni a venire, ce ne sono stati, senza particolare successo e sicuramente lontani dal quanto hanno fatto questi ragazzi. Se volete rivedere il mito, nella sua versione romanzata, non vi resta che guardarvi il film "21".

Storie correlate

Gioca su Betfair ed ottieni €20 subito ed un bonus sul deposito fino a €200!

Su Gioco Digitale Casinò torna la classifica Blackjack con un palio la bellezza di 2.500 euro!

L’ex stella NBA, Michael Jordan: “I moderni giocatori di blackjack non hanno carattere. Mi ricordo quella volta che…”

La rivista Forbes intervista giocatore professionista di Blackjack: “A Las Vegas è ancora possibile vincere ai tavoli di 21”

Parliamo anche di:
Notizie correlate