Rio Casino

Addio al Rio Casino? La casa delle WSOP a rischio demolizione per far spazio ad uno stadio

Pubblicato il da Francesco "Straydog" Healy

Da anni si vocifera di una possibile demolizione del Rio Casinò di Las Vegas, ma negli ultimi giorni altri rumors sono venuti a galla, dove si parla dell’idea di far spazio ad uno stadio per ospitare partite della Major League Baseball.


Le nuove voci di corridoio sono stata rivelate dal blog VitalVegas, e si parla di una possibile cessione del Rio Casino con conseguente demolizione per far spazio alla stadio che ospiterà la futura squadra di baseball di Las Vegas.

Per anni l’unica cosa che mancava a Las Vegas era una squadra professionista, tabù spazzato via di recente con l’arrivo in città della National Hockey League (NHL), e a breve gli Oakland Raiders (frachigia di football americano) porteranno in Nevada anche la NFL, la National Football League.

E dopo la NHL e NFL, a Las Vegas potrebbe sbarcare anche la MLB, la Major League Baseball. Secondo il commissario della MLB Rob Manfred, infatti, Las Vegas rappresa una valida alternativa all’espansione della lega, dato che si vuole portare le franchigie a 32.

Sul suo Twitter account VitalVegas scrive infatti che “c’è stato un picco di interesse degli investitori sul Rio”. Insomma, la casa delle WSOP da oltre dieci anni potrebbe sparire per sempre, e questo comporterebbe la ricerca di una nuova sede per i campionati del mondo di poker.

Ma come sappiamo il Rio Casino fa parte del gruppo Caesars, quindi facile intuire che le WSOP potrebbero giocarsi in un altro casinò del gruppo, e per l’appunto proprio il Caesars Palce, oppure l’Harra’s Las Vegas, o il Planet Hollywood Resort & Casino, il Paris Las Vegas, il Bally’s Las Vegas, oppure il Flamingo Las Vegas.

Storie correlate

Steve Albini, produttore discografico dei Nirvana, vince oltre 100mila dollari giocando a poker in un casinò di Las Vegas

La stella di Hollywood Vince Vaughn punta 1.000 dollari a mano ai tavoli del blackjack

Dipendenti dei casinò di Las Vegas in sciopero a causa di un’invenzione italiana, un robot che fa il lavoro al posto loro

Parliamo anche di:
Notizie correlate