Bannato perché vince troppo alla roulette

Birmingham, bannato dal casinò semplicemente perché un giocatore vincente

Pubblicato il da Francesco "Straydog" Healy

A denunciarlo è un giocatore d’azzardo professionista, che dice di essere stato bannato da un casinò di Birmingham dopo aver vinto 50mila sterline con un sistema “vincente” alla roulette della casa da gioco.


In una recente intervista per il birminghammail.co.uk l’uomo ha dichiarato di essere stato un regalar del casinò Hagley Road, ma di essere stato bannato senza alcuna spiegazione, o meglio forse una crede di saperla il 46enne Mr Sambhi: “Non ho mai perso con il mio sistema di gioco ai tavoli della roulette e questo ai casino non piace. Non vogliono avere a che fare con i vincenti, solo con i perdenti” .

L’uomo ha dichiarato di aver cinto negli ultimi sei mesi circa 50mila sterline prima di essere bannato. Una decisione venuta dall’alto e senza dare un minimo di risposta al povero Mr Sambhi, che ha poi aggiunto: “Ho ancora per volontariamente per restituire qualcosa al casinò, ma di me evidentemente ne hanno avuto abbastanza”.

Ovviamente l’uomo non ha rivelato i trucchi del mestiere agli intervistatori, anche se alcuni consigli li potrete trovare su Breaking The Roulette Wheel, un libro scritto da lui stesso. Mr Sambhi ha poi aggiunto di essere stato bannato anche nel 2009 da un casinò Grosvenor.

“Il mio sistema funziona e questo non piace ai casinò. Per centinaia di anni in tanti hanno provato a trovare un modo per vincere costantemente alla roulette, bene io l’ho trovato, ma appena capiscono qualcosa mi bannano. Io non baro, semplicemente uso la matematica”, ha poi concluso un frustrato Mr Sambhi.

Storie correlate

Apri un conto su Eurobet! Per te €300 di bonus sul tuo primo deposito!

Il giocatore bannato dal casinò perché troppo vincente alla roulette, svela i suoi segreti

Promo CasinoYes, partito il torneo Golden Ball Celebration con in palio 5.000 euro

La Dea Bendata fa visita al Casinò di Campione, nel weekend vinti oltre 100mila euro

Parliamo anche di:
Notizie correlate