Punta tutto sul pari e vince più di 120mila dollari

Storie ai tavoli della Roulette - Puntò tutti i suoi risparmi sul numero 8, vinse e si comprò casa!

Pubblicato il da Francesco "Straydog" Healy

La storia del misterioso player hawaiano risale al 2012, anno in cui l’uomo decise di rischiare il tutto per tutto sul Pari alla roulette, convincendo anche il casinò ad accettare una puntata superiore al massimale fissato a 20mila dollari.


Casinò Binion, Las Vegas, anno 2012. Se ben ricordate, già vi aveva mo raccontato di una storia accaduta al Binion ad inizio anni novanta, quando il signor Chris Boys portò con se al casinò tutti i suoi risparmi, ben 200mila dollari, e giocarli tutti sul rosso, che puntualmente uscì e lui non giocò mai più.

Ora, in anni più recenti, una satira simile si è ripetuta. Siamo nel 2012, sempre al Binion, e il protagonista è un misterioso giocatore hawaiano, che non ha voluto rivelare la sua identità. Anche lui come Boyd anni prima è arrivato al casinò con un bel gruzzoletto di soldi risparmiati, ben 66,200 dollari, per puntarli in un’unica volta.

C’era solo un problema, la puntata massima era di 20mila dollari, ma l’uomo riuscì a convivere il direttore della casa da gioco. In rari casi e quando si tratta di puntate particolari, si possono fare infatti delle eccezioni.

E l’eccezione fu fatta, con l’uomo che puntò tutto su Pari. Il croupier lanciò la pallina, che cadde sul numero 8. L’uomo vinse e realizzò il desiderio di comportarsi una casa.

Se vuoi provare il fantastico mondo dei casinò online, ricorda che le migliori sale italiane sono su CasinoItaliaWeb, e per tutti gli appassionati lettori del portale, hanno ideato ognuna offerte davvero imperdibile, per giocare ai tuoi giochi di casinò preferiti. Segui il link e approfitta subito delle offerta.

Storie correlate

Forum European Casino Association, a Cannes si parla della pubblicità sul gioco d’azzardo

Vince alla lotteria ma perde il biglietto vincente, ecco come è andata a finire

Decreto Dignità, presentati 450 emendamenti in aula ieri alla Camera

Parliamo anche di:
Notizie correlate
3