Richard Marcus al suo tavolo verde

L'incredibile storia di Richard Marcus, il baro che è riuscito a rubare ai casinò oltre 5 milioni di dollari

Pubblicato il da Redazione

Come si passa dall'essere ricercato a ricercatore? Una trasformazione che può essere raccontata da Richard Marcus, l'uomo che ha barato nei casinò di tutto il mondo ed ora viene pagato dagli stessi per svelare i suoi trucchi e scovare tutti gli emuli in giro.


La sua vita potrebbe essere una buona trama di un film e non è detto che qualcuno non ci abbia mai pensato. Richard Marcus più di un nome è una storia che affascina gli appasionati del mondo del casinò, perchè attraversa tutte le fasi: giocatore, lavoratore, baro e collaboratore (dopo una remunerativa redenzione).

Andiamo in ordine cronologico. Marcus è un giocatore che sogna, come tutti, di fare il colpo della vita. Come la maggior parte di questa storie, si ritrova presto sul lastrico. Quindi decide di passare dall'altra della barricata e diventa croupier. Qui viene avvicinato da un personaggio di New York, che lo recluta in un gruppo di bari. Il primo trucco è ai tavoli di baccarat, dove usa la tecnica del finto mescolamento delle carte in combutta con un cliente. Questo giochetto permette di guadagnare tantissimo a chi lo esegue e risulta tra i più semplici.

In realtà uno dei trucchi migliori usati da Richard nel corso della sua carriera da baro, riguarda il gioco della Roulette. Nonostante gli anno passano, i trucchi sono sempre gli stessi: prendere le fiches al proprio vicino di tavolo o al croupier, aggiungere chips o soldi ad un risultato vincente o utilizzare fiches contraffatte, passando dal ritirare le vincite al posto dei giocatori che puntano su più tavoli. Il trucco maggiormente attribuito a Marcus è quello di sovrapporre o mettere sotto alle chips di altri giocatori le proprie, in modo che siano coperte con l'obiettivo di lasciarle in caso di vincita o ritirarle in caso di perdita.

Verso la metà degli anni 2000 Richard Marcus fu preso e processato, stimando che avesse "vinto" sui 5 milioni di dollari nei casinò di tutto il mondo. Da questo momento, decide di scrivere libri sul gioco d'azzardo (ben cinque, il più famoso "American Roulette" sui bari da casinò, non da meno "Dirty Poker" dove racconta come gli squali del poker sono organizzati per spennare il giocatore casuale) ed ha un suo sito internet dove si può contattare per seminari e convention sull'argomento.

Da quando è andato in "pensione" ha iniziato a collaborare con la maggior parte delle società proprietare di Casinò nel mondo, soprattutto a Macao. Per la completa trasformazione della sua vita, che si può spiegare perfettamente con le sue parole: “La maggior parte degli operatori con cui lavoro sono stati imbrogliati da me ed adesso mi pagano per capire come ho fatto".

 

Storie correlate

Apri un conto su Casino Yes! Per te €20 gratis ed un bonus sul deposito di €500!

Quale futuro per i casinò terrestri italiani?

Unibet Casinò si fa in tre per te e ti propone ogni settimana tre esclusivi tornei

Su Unibet Casino torna il Torneo Live di Fine Mese, in palio 2.000 euro nel montepremi!

Parliamo anche di:
Notizie correlate
info@casinoitaliaweb.it